Origami, seconda serie, giugno e luglio 2019. Con Fabio Donalisio, Francesco Targhetta, Franca Cavagnoli e Franco Baldasso


Origami. Altri usi della carta 
Seconda serie, giugno-luglio 2019 

TRA Treviso Ricerca Arte 
Ca’ dei Ricchi, Via Barberia 25, Treviso
Appuntamento 1 
Poesia 
Mercoledì 5 giugno 2019 ore 20:45 

AMBIENTI SATURI 
con Fabio Donalisio 
con l’intervento di Francesco Targhetta

introduce Alberto Cellotto 

Appuntamento 2 
Prosa e traduzione 
Mercoledì 26 giugno 2019 ore 20:45 

LA VOCE DEL TESTO. 
L’ARTE E IL MESTIERE DI TRADURRE 
con Franca Cavagnoli 

introduce Alberto Cellotto 

Appuntamento 3 
Saggistica 
Mercoledì 3 luglio 2019 ore 20:45 

CRISTO SENZA REDENZIONE.
CURZIO MALAPARTE E LA MODERNITÀ 
con Franco Baldasso  

introduce Alberto Cellotto



NOTIZIE SUGLI OSPITI 

Franco Baldasso è direttore del programma di Italian Studies al Bard College di New York, dove insegna come Assistant Professor of Italian. La sua ricerca si concentra sulle relazioni tra Fascismo e Modernismo, sulla violenza politica in Italia e sulla sua memoria. È autore della monografia Il cerchio di gesso. Primo Levi narratore e testimone (Pendragon, 2007), ha curato volumi sulla storia fotografica di Firenze e Bologna nel primo Novecento (Pendragon, 2008) e “Italy in WWII and the Transition to Democracy: Memory, Fiction, Histories”, numero speciale della rivista Nemla-Italian Studies (2014). Scrive di cultura e letteratura italiana contemporanea su publicbooks.org e collabora al Center for Italian Modern Art di New York. È redattore dall’estero della rivista Allegoria e membro del comitato scientifico dell’Archivio della Memoria della Grande Guerra del Centro Studi “P. Pieri” di Vittorio Veneto. 

Franca Cavagnoli, scrittrice e traduttrice, ha pubblicato i romanzi Luminusa (Frassinelli, 2015), Non si è seri a 17 anni (Frassinelli, 2007), Una pioggia bruciante (Feltrinelli, 2000), e i saggi La voce del testo (Feltrinelli, 2011, Premio Lo Straniero, nuova edizione Feltrinelli, 2019) e La traduzione letteraria anglofona (Hoepli, 2017). Ha tradotto opere di Toni Morrison, J.M. Coetzee, V.S. Naipaul, William S. Burroughs, James Joyce, F.S. Fitzgerald e Mark Twain, e cura per Adelphi l’edizione italiana dell’epistolario di Samuel Beckett. Collabora ad “Alias”, l’inserto domenicale di “il manifesto”, “L’indice dei libri del mese” e “Alfabeta”. Insegna Traduzione e Revisione del testo editoriale al Master in Editoria dell’Università degli Studi di Milano in collaborazione con la Fondazione Mondadori e l’Associazione Italiana Editori. Nel 2014 ha avuto il Premio nazionale della Traduzione del Ministero dei Beni Culturali. 

Fabio Donalisio è nato in Piemonte, in mezzo alla provincia Granda, nel 1977. Ha pubblicato miti logiche (ExCogita, 2007), la pratica del ritorno (in Poesia Contemporanea. XI quaderno italiano, Marcos y Marcos, 2012), nulla più e nulla meno (La collana Isola, 2013, con i disegni di Marco Corona), Ambienti saturi (A27/Amos Edizioni, 2017) e Libro delle cose (Aragno, 2018). È tra i fondatori del progetto editoriale Nervi assieme a Marco Scarpa e Francesco Targhetta. Scrive di libri sulla rivista “Blowup”. 

Francesco Targhetta (Treviso 1980) è professore di lettere alle scuole superiori. Ha pubblicato il libro di poesie Fiaschi (ExCogita, 2009) e il romanzo in versi Perciò veniamo bene nelle fotografie (Mondadori, 2019 e già Isbn Edizioni 2012). Nel 2014 ha vinto il premio Delfini e il premio Ciampi (da cui la plaquette Le cose sono due, Valigie Rosse, 2014). È tra i fondatori del progetto editoriale Nervi assieme a Fabio Donalisio e Marco Scarpa. Le vite potenziali (Mondadori 2018, finalista al Premio Campiello 2018) è il suo primo romanzo in prosa.

Commenti